Contributi

La valenza del parere tardivo della soprintendenza ex art. 146 comma 8 del d. lgs. n. 42/2004.


Abstract


Negli ultimi anni, nell’ambito delle autorizzazioni paesaggistiche, un tema molto dibattuto in dottrina e giurisprudenza è stato quello della validità del parere vincolante e obbligatorio della Soprintendenza espresso oltre il termine procedimentale stabilito dall’art. 146 comma 8 del D. L.vo n. 42/2004.

La soluzione a tale problematica è di dirimente importanza per le conseguenze che ne derivano in termini di valutazione e comparazione tra gli interessi pubblici primari di tutela ambientale e del paesaggio e gli interessi dei soggetti privati che intendono realizzare un progetto edificatorio in zona vincolata.

Dopo un periodo di forte incertezza, caratterizzato da numerosi e frequenti contrasti, di recente si è attestata come prevalente la terza tesi illustrata, secondo cui il parere reso tardivamente dalla Soprintendenza è liberamente valutabile dall’Amministrazione procedente e perde, insieme con la propria efficacia vincolante, valenza di arresto procedimentale, assumendo connotazione strumentale rispetto al provvedimento comunale conclusivo del procedimento


Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici



Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.



I contenuti redazionali di questo sito sono distribuiti con una licenza Creative Commons, Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia (CC BY-SA 3.0 IT) eccetto dove diversamente specificato. Diretta da G. Terracciano, G. Mazzei. Direttore Responsabile: M. Cardilli. Coordinamento editoriale: V. Sarcone, L. Ferrara, F. Rota, G. Iacovino, C. Rizzo. Iscritta al N. 16/2009 del Reg. stampa del Tribunale di Roma (proprietà Tip. Facciotti - Roma).