Contributi

Il nuovo regolamento europeo per la protezione dei dati (GDPR) e la figura del Data Protection Officer (DPO): incidenza sulla attività della pubblica amministrazione.


Abstract


In materia di protezione dei dati personali, il nuovo obiettivo dell’Unione è quello di assicurare un livello coerente ed elevato di protezione delle persone fisiche e rimuovere gli ostacoli alla circolazione dei dati personali all’interno dell’Unione, implementando il livello di protezione dei diritti e delle libertà delle persone fisiche con riguardo al trattamento di tali dati in modo equivalente in tutti gli Stati membri.

E dunque, per assicurare un livello coerente di protezione delle persone fisiche in tutta l’Unione e prevenire disparità che possono ostacolare la libera circolazione dei dati personali nel mercato interno, si è ritenuto necessario (ed opportuno) disciplinare la materia con lo strumento normativo del Regolamento, direttamente applicabile su tutto il territorio europeo, che si propone di introdurre e cristallizzare nuovi principi generali della materia, utili sempre a sopperire l’eventuale carenza (oppure non chiarezza) delle disposizioni adottate a livello nazionale.


Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici



Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.



I contenuti redazionali di questo sito sono distribuiti con una licenza Creative Commons, Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia (CC BY-SA 3.0 IT) eccetto dove diversamente specificato. Diretta da G. Terracciano, G. Mazzei. Direttore Responsabile: M. Cardilli. Coordinamento editoriale: V. Sarcone, L. Ferrara, F. Rota, G. Iacovino, C. Rizzo. Iscritta al N. 16/2009 del Reg. stampa del Tribunale di Roma (proprietà Tip. Facciotti - Roma).