Giurisprudenza annotata

1.10. Consiglio di Stato, sez. VI, 3 febbraio 2009, n. 578


Abstract


La domanda di risarcimento del danno derivante da provvedimento di aggiudicazione di una gara tardivamente impugnato è ammissibile, ma è infondata nel merito. La mancata impugnazione dell’atto fonte del danno entro i termini di decandenza, infatti, consente a tale atto di operare in modo precettivo dettando la regola del caso concreto. Proprio per questo, il danno non può essere considerato ingiusto e la condotta tenuta dall’Amministrazione, in esecuzione dell’atto in oppugnato, illecita.

Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici



Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.



I contenuti redazionali di questo sito sono distribuiti con una licenza Creative Commons, Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia (CC BY-SA 3.0 IT) eccetto dove diversamente specificato. Diretta da G. Terracciano, G. Mazzei. Direttore Responsabile: M. Cardilli. Coordinamento editoriale: V. Sarcone, L. Ferrara, F. Rota, G. Iacovino, C. Rizzo. Iscritta al N. 16/2009 del Reg. stampa del Tribunale di Roma (proprietà Tip. Facciotti - Roma).