Per la Corte costituzionale, l’avanzo di amministrazione è incompatibile con un piano di riequilibrio finanziario pluriennale

Secondo i Giudici della Consulta, l’avanzo di amministrazione, in quanto risultato di amministrazione positivo, è unico e, quindi, è assolutamente incompatibile con un piano pluriennale di riequilibrio, che presuppone, al contrario, passività scaglionate nel tempo.

Dal sito www.cortecostituzionale.it

Preleva la sentenza