Proposte

Proposte online

Hai già Username/Password per Amministrativ@mente?
Vai al Login

Ti serve Username/Password?
Vai alla Registratione

Registratione e login sono richiesti per sottoporre articoli e verificare online lo stato delle proposte inviate.

 

Linee guida per gli autori

Amministrativ@mente

Regole editoriali

 

Impaginazione di studi e note:

Interlinea                                          Singola

Spaziatura prima e dopo                     0

Rientro paragrafo                               0

Carattere                                           Palatino Linotype 11 giustificato

sommario                                          collocato all'inizio

Note                                                  a piè di pagina, con 

                                                        numerazione progressiva;

                                                        Palatino Linotype 9 giustificato

 

per le citazioni, nel testo e in nota:

-          per la legislazione, si dovrebbe indicare, la prima volta, il provvedimento per esteso, completo di data e numero (es.: legge 7 agosto 1990, n. 241). In seguito, lo stesso provvedimento dovrebbe essere indicato in forma abbreviata (es.: l. n. 241/90). L'articolo precede l'indicazione eventuale del comma di riferimento e del provvedimento (es.: art. 1, comma1, l. n. 241/90);

-          per la giurisprudenza, le decisioni dovrebbero essere segnalate, la prima volta, con l'indicazione per esteso dell'organo giudicante, della data e del numero (es.: Consiglio di Stato, sez. IV, 8 gennaio 1995, n. 1), nonché del luogo dove la decisione è pubblicata (nome della rivista, anno, parte, pagina). In seguito, la stessa decisione dovrebbe essere indicata in forma abbreviata (es.: Cons. St., IV, n. 1/1995);

-          per la dottrina, le monografie devono essere citate con il cognome dell'autore preceduto dall'iniziale del nome, il titolo completo dell'opera, il luogo, e l'anno di pubblicazione e la pagina cui si fa riferimento (se si fa riferimento a tutta l’opera si deve indicare il termine latino passim, che significa “qua e la”). Gli scritti contenuti in opere collettive, dizionari, enciclopedie, ecc., devono essere citati con l'indicazione, oltre che dell'autore e del titolo, dell'opera di cui fanno parte (sempre con il titolo completo dell'opera, il luogo e l'anno di pubblicazione e, eventualmente, la pagina cui si fa riferimento). Gli scritti contenuti in riviste devono essere citati con l'indicazione, oltre che dell'autore e del titolo, della rivista, dell'anno di pubblicazione, della parte e della pagina. I titoli delle riviste, dei dizionari e delle enciclopedie italiane devono essere abbreviati, mentre quelli delle riviste, dei dizionari e delle enciclopedie straniere devono essere scritti per esteso. Citando la stessa opera per la seconda volta, può essere indicato l'autore e le prime parole del titolo, seguite dall'abbreviazione "cit.";

-          le date devono essere scritte per esteso (5 febbraio 2007) oppure con la seguente abbreviazione: 05/02/2007;

-          per le sigle e abbreviazioni, vedi sotto;

-          l'uso delle maiuscole deve essere limitato ai nomi propri ed alla parola "Stato" (es.: i ministeri, il Ministero del tesoro);

-          i nomi di enti, associazioni, organizzazioni e simili devono essere indicati, la prima volta, per esteso, con la sola prima iniziale maiuscola, seguiti dalla sigla, tra parentesi e, anche in questo caso, con la sola prima iniziale maiuscola: ad esempio, Organizzazione delle nazioni unite (Onu). In seguito, deve essere utilizzata solo la sigla;

-          i numeri nel testo vanno citati per esteso (es.: gli anni novanta, due per cento);

-          le parole ed i nomi stranieri vanno scritti in corsivo.;

-          il testo del contributo deve essere organizzato in paragrafi e sottoparagrafi con titoli in corsivo. Ad esempio:

1. Il Testo Unico degli enti locali.

TESTO

1.1. Le norme sul personale.

TESTO

-          le sigle vanno con la prima lettera maiuscola e il resto minuscolo. Es. Aran, Cnipa, Ici, Irap, Cnel, ecc.;

-          la prima citazione di una fonte va sempre riportata per esteso, in seguito di può abbreviare. Es.: d.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 à d.P.R. n. 445/2000;

-         
per le fonti di cognizione bisogna indicare FONTE, DATA, NUMERO. Esempio: G.U.S.O., 15 ottobre 2007, n. 279; B.U.R. Lazio, 16 novembre 2008, n. 297;

-          per le citazioni dottrinali bisogna indicare il nome dell’autore in Maiuscoletto, il nome dell’opera in corsivo, tutto il resto normale. Vedi, anche le abbreviazione allegate delle riviste specialistiche. Esempi:

  1. M.S. Giannini, Corso di diritto amministrativo, Milano, 1965, p. 123.
  2. F. Spantigati, Il principio di comunicazione nel diritto amministrativo, in G. Arena (a cura di), La funzione di comunicazione nelle pubbliche amministrazioni, Rimini, 2001, p. 191 ss.
  3. N. Bobbio, La democrazia e il potere invisibile, in Riv. it. scienza pol., 1980, p. 181.

 

Abbreviazioni:

decreto-legge: d.l.

decreto-legislativo: d.lgs.

decreto del Presidente della Repubblica: d.P.R.

decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri: d.P.C.M.

 ecc.

 

Per l’uso delle parentesi, iniziare con le citazioni testuale con le parentesi «», all’interno delle quali è possibile utilizzare le parentesi “”.

Es.

32 Come sostenuto da M.S. Rossi, Diritto amministrativo, 1993, Milano, p. 124, «l’organizzazione amministrativa è un elemento fondamentale dello studio del diritto amministrativo, come anche ricordato da A. Bianchi, Lezioni di diritto amministrativo, Torino, 1990, p. 312, secondo il quale “l’organizzazione è direttamente connessa all’esercizio dell’attività amministrativa”».

 

Lista di controllo per la predisposizione di una proposta

Durante la procedura di trasmissione di una proposta, gli autori devono verificare il rispetto dei seguenti requisiti; la submission potrebbe essere rifiutata se non aderisce a queste richieste.

  1. Dichiaro che la submission è originale e non è stata proposta ad altra rivista.
 

Informativa sulla privacy

Effettuando la registrazione al sito si autorizza il trattamento dei dati personali per le esclusive finalità della Rivista.

Il Responsabile del trattamento è il direttore responsabile della Rivista.

Richieste di modifiche e cancellazioni dei propri dati personali possono essere richieste a redazione@amministrativamente.com.